Come sgonfiare la pancia velocemente in 3 semplici mosse!

Avere la pancia piatta o a volte semplicemente la pancia sgonfia, è il desiderio della maggior parte delle donne (e degli uomini)! Vediamo allora qualche soluzione veloce per sgonfiare la pancia velocemente .

Se poi ti stai preparando per un evento importante o una cerimonia, e vuoi arrivare nella tua forma migliore, qui troverai alcuni consigli pratici e semplici che puoi attuare da subito per sgonfiare velocemente la pancia.

Il problema della pancia piatta infatti non è solamente di chi è in sovrappeso, ma spesso anche chi è magro soffre di pancia gonfia o magari accumula proprio in quel punto specifico.

clicca qui per scoprire il programma SHREDSTYLE

Spesso la pancia gonfia è determinata da un alimentazione scorretta o disordinata, spesso troppo ricca di farine bianche, di glutine, come ad esempio pane o pasta, oppure di bibite gassate e zuccherate. Spesso invece la pancia gonfia è dovuta alla sedentarietà e quindi ad una postura scorretta o al poco movimento.

Ci possono poi essere altre cause per se ti ritrovi con la pancia gonfia, come ad esempio lo stress o anche problematiche dovute alla flora batterica, in questo articolo, però ci limiteremo a seguir qualche semplice consiglio che puoi mettere in pratica da subito per sgonfiare la pancia velocemente , per qualsiasi altra problematica rivolgiti al tuo medico cosi puoi capire più a fondo il problema e risolverlo!

Dunque sono molti gli accorgimenti che puoi seguire per migliorare e
sgonfiare la pancia velocemente
, ti consiglio di seguire questi suggerimenti per almeno una settimana, cosi da vederne i risultati! Ecco qui ne vedremo alcuni insieme:

  1. BEVI MOLTA ACQUA ! Mantieni il tuo corpo idratato con almeno 3 litri di acqua al giorno!
    Sono utili anche 3-4 tazze di tè verde e qualche infuso di carcadé antiossidante o di semi di anice verde antigonfiori (una bustina per tazza).
  2. EVITA IL GLUTINE! Prova ad eliminare per una settimana il pane, la pasta e il lievito di farina bianca. Se proprio non vuoi fare a meno della pasta puoi trovare anche al supermercato paste fatte da diversi cereali e senza il glutine che ti permetteranno di sentirti piu sgonfia. Prova a NON mangiare pane, pasta o pizza per quella settimana. Puoi però mangiare riso integrale, oppure riso rosso o riso nero, con verdure cotte o crude a piacere. Mangia la verdura cruda prima dei pasti principali e la frutta lontano dai pasti! (Questo ti permetterà di ridurre il gonfiore dovuto alla fermentazione)
  3. RIDUCI LO ZUCCHERO! Pensi di poter stare una settimana senza zuccheri? Vale per i dolci, per lo zucchero nel caffe e per tutte le bibite gassate. Ti puoi prendere questo impegno e lanciarti questa sfida? Io credo proprio di si!!! Se hai una voglia incontrollabile di dolce puoi mangiarti ad esempio della frutta secca, come ad esempio uvetta, datteri o fichi secchi o qualche pezzettino di cioccolato fondente!
  4. FAI MOVIMENTO! Per una settimana antecedente fai movimento ogni giorno, se hai la possibililità puoi andare a passeggiare per almeno 30 minuti, se invece hai il tenpo contato basta che fai esercizi in casa per almeno 10 minuti al giorno! Puoi trovare moltissimi video con mini workout che puoi fare comodamente da casa!

Insomma, una bella sfida ma assolutamente fattibile se vuoi arrivare in splendida forma ad un evento particolare (o magari al tuo stesso matrimonio!: -) )

Io faccio qualcosa di simile (con qualche altre piccolo accorgimento), 10 giorni al mese, tutti i mesi, anzi di solito lo facciamo in maniera social, ogni primo lunedi del mese, e poi i restanti giorni del mese mangio in modo normale e regolare. I risultati sono davvero bellissimi!!! 🙂 Questi ad esempio sono i miei risultati da marzo, la prima foto in alto, a maggio, l’ultima in basso!

Mentre se vuoi vedere altre testimonianze oltre alle mie puoi andare a dare un occhiata QUI !

Il prossimo percorso sgonfia pancia inizierà tra pochi giorni ed è a numero chiuso. Per capire come funziona, avere più info e prenotare il tuo posto, puoi cliccare QUI oppure scrivermi direttamente!

Spero che questo articolo ti sia stato utile. 🙂

Ciao e un abbraccio da

Marianna

COME MIGLIORARE LA TUA AUTOSTIMA IN 3 MOSSE (2).

Buongiorno!!!

In un precedente articolo di questa estate abbiamo già trattato il delicato argomento, oggi vediamo in pratica come migliorare la tua autostima.

Di autostima se ne parla tanto… di quello che dovremmo fare, di come dovremmo sentirci…

In realtà l’autostima è qualcosa di molto più semplice e personale; l’autostima è semplicemente una stima, una valutazione, o se vogliamo la risposta alla domanda: ”Cosa penso di me?”.

Se ci valorizziamo la nostra autostima sarà alta altrimenti sperimenteremo quella che viene chiamata bassa autostima.

Ma a volte non è proprio facile, ci confrontiamo con gli altri, non ci vediamo belle/ belli abbastanza, pensiamo di essere da meno, o di avere delle qualità mancanti.

come migliorare la tua autostima

Ecco quindi 3 nuovi consigli per migliorare la tua autostima:

1. CAMBIA LA QUALITA’ DEI TUOI PENSIERI.

Mahatma Gandhi diceva :

Mantieni i tuoi pensieri positivi,
perché i tuoi pensieri diventano parole.
Mantieni le tue parole positive,
perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti.
Mantieni i tuoi comportamenti positivi,
perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini.
Mantieni le tue abitudini positive,
perché le tue abitudini diventano i tuoi valori.
Mantieni i tuoi valori positivi,
perché i tuoi valori diventano il tuo destino.

Hai mai provato a soffermarti su questo punto?

Quante volte durante il giorno fai pensieri negativi/pessimisti/limitanti….Prova a stare attenta, e ogni volta che arriva un “non posso”, “non sono in grado”, e pensieri simili, riconoscilo come tale e trasformalo in positivo!

2.CIRCONDATI DI PERSONE POSITIVE per migliorare la tua autostima.  

Ci vuole il triplo dell’impegno a doversi rialzare e destreggiare dopo aver affrontato persone pesanti, negative, antipatiche e pessimiste!

Lasciale perdere! Ti succhiano la tua energia, e tutto l’impegmo che ci metti per crearti un equilibrio!

3.SII GRATA!

Svegliati ogni giorno con gratitudine!

E’ una buona abitudine ogni sera prima di coricarti, e ogni mattina al tuo risveglio, pensare a 3 cose per le quali essere grata! Ti renderai conto di quante meravigliose “piccole” cose riusciamo a tralasciare ogni giorno!

Applica questi 3 consigli ogni giorno x la prossima settimana…e poi scrivi qui sotto cosa è successo!

A volte si puo’ anche iniziare all’incontrario, quindi partendo dalla cura del tuo corpo, raggiungendo degli obbiettivi pratici, e grazie ad essi aumentare la tua soddisfazione giornaliera e quindi sarai poi in grado di assegnarti un nuovo obbiettivo sempre piu impegnativo! Grazie al percorso SHRESTYLE ti poni un obbiettivo raggiungibile in un breve termine, quello quindi di 10 giorni, ottenendo cosi risultati immediati e fattibili la tua autostima immediatamente si alza!

Buona giornata!

Marianna

8 CONSIGLI PRIMA DI ANDARE A LETTO PER DORMIRE MEGLIO!

Il riposo notturno è un momento molto importante, il nostro corpo si rigenera, recupera le energie per affrontare il giorno sucessivo, si autoripara e ricarica. Una buona qualità del sonno è la chiave per fare in modo che il nostro corpo riesca a svolgere i suoi compiti notturni! Ecco quindi qualche consiglio che può farti andare a letto in modo più sereno, e godere di un sonno pacifico e ristoratore!

dormire_bene_buon_riposo

1.BERE UNA BEVANDA CALDA

Questa può essere una tisana a base di erbe rilassanti, come la Camomilla, il biancospino, la Melissa, oppure puoi trovarle già pronte nel giusto mix, o chiedere alla tua erborista di fiducia di preparare quella più adatta a te.

2.MASSAGGIARSI (O FARSI MASSAGGIARE)

Farsi un massaggio rilassante con olio di mandorle ed un olio essenziale a piacere, come ad esempio la lavanda, aiuta a rilassarti, e a ritrovare equilibrio con il tuo corpo. Massaggiati i piedi, le gambe, e se ne hai la possibilità fatti massaggiare anche la schiena!

3.RESPIRARE E MEDITARE

Ci sono diversi tipi di meditazione ed esercizi per la respirazione! A volte basterà semplicemente chiudere gli occhi, respirare profondamente con il naso e riflettere sugli aspetti positivi della giornata che hai appena concluso, e sui buoni propositi per la giornata a venire.

4.ABBASSARE LE LUCI

Rilassati ad una luce bassa oppure alla luce di una candela, questo permette di rilassarti e di conciliare il sonno.

5.LEGGERE UN LIBRO

Leggere un buon libro ti permette di staccare dalla quotidianità e di immergerti in un nuovo mondo. Ti aiuta a rilassarti, a staccare la mente, e stimola la creatività.

6.SPEGNERE LA TV

Prova a spegnere la Tv e a leggere! O magari ascolta della buona musica rilassante, o prendi carta e penna e scrivi giù un idea, un piano o un progetto che hai in testa!

7.CENARE PRESTO

Cenare presto e alimenti non pesanti permette di non affaticare il processo digestivo, e quindi non arrivare all’ora di andare a letto troppo appesantiti. Iniziando il percorso SHRED10  hai l’opportunità di migliorare le tue abitudini alimentari in modo semplice, veloce, efficace e naturale. 

 

8.USARE UN CUSCINETTO RILASSANTE

Prima di andare a dormire, ricordati di posizionare un cuscinetto aromatico, o comunque un piccolo cuscino con imbottitura naturale, sotto o vicino al cuscino. Sono indicati soprattutto i cuscinetti con imbottitura di fiori di lavanda (puoi anche confezionarli facilmente a mano) o i cuscinetti in pula di farro, che vengono considerati un vero e proprio antistress naturale, utile per favorire il relax e il buon sonno.

846746

Tutti da provare….e buonanotte!

Marianna

 

ADDIO EFFETTO YO YO !! (perchè accade e come evitarlo)

Buongiorno!!!
image

Sai come funziona uno “yo-yo”?  E’ una rotella attaccata ad una corda elastica (agganciata ad una mano)  che permette alla rotella stessa un movimento “in su e in giù”. Chi si sottopone ad una dieta troppo rigida rischia di fare la stressa cosa: si va “in giù” di peso per un certo periodo, poi si giunge all’apice della sopportazione (come lo yo-yo giunge alla fine della corsa dell’elastico) e si comincia inesorabilmente ad andare “in su”.

Oggi, pertanto, parliamo dell’odiato effetto yo-yo….come accade, e in che modo evitarlo.
image

CHE COSA E’ L’EFFETTO YO YO

In dietologia si indica come effetto yo-yo, noto anche come ciclicità del peso, la perdita e riacquisto ciclico di peso corporeo in seguito a diete eccessivamente ipocaloriche.  Il processo ha inizio con una dieta che, nel breve periodo, ti fa perdere  peso, ma che poi non è efficace nel consentire il mantenimento di tale perdita di peso nel lungo periodo: la persona a dieta cerca quindi di perdere nuovamente il peso riguadagnato ed il ciclo ricomincia.
image

PERCHE’  SI RIMETTE SU PESO

L’approccio classico nel tentativo di fare una dieta è di “mangiare di meno“, quello che invece accade in questa fase è che  l’organismo si adatta e cambia la sua efficienza metabolica, cercando inoltre di risparmiare ENERGIA attraverso una diminuzione del metabolismo, e di altre funzioni fisiologiche. È come se l’organismo rallentasse tutte le sue attività per risparmiare e per non soccombere alla mancanza di cibo.

Nella maggior parte dei casi l’effetto “yo – yo” è dovuto a diete troppo restrittive (sia dal punto di vista delle calorie introdotte che della varietà degli alimenti), che comportano esclusivamente una grande perdita di acqua e di massa magra (massa muscolare) invece che di quella grassa.

Inoltre la perdita di massa muscolare a sua volta comporta un rallentamento del metabolismo in quanto la maggior parte delle calorie viene bruciata dai muscoli, ostacolando quindi in questo modo un ulteriore calo. Ciò può tradursi in un nuovo aumento di peso corporeo, portando ad un peso addirittura superiore a quello iniziale, nel momento in cui la dieta viene abbandonata.
image

CONSIGLI PER UN CORRETTO APPROCCIO

1) Per dimagrire in modo corretto ed evitare l’effetto “yo – yo” occorre perdere peso in maniera lenta ma costante, dando il giusto apporto di carboidrati, proteine, grassi, fibre alimentari, sali minerali e vitamine e un cambiamento radicale e permanente delle abitudini alimentari e di vita: solo questo può dare la garanzia di poter mantenere i risultati ottenuti. Vedi ad esempio il percorso SHRED10, che ti permette di tornare in forma in modo naturale, efficace, equilibrato e veloce!
image

2) Organizzare una regolare attività fisica: questo combatterà proprio l’ adattamento a “sopravvivere” con poche calorie che è tipica reazione del sistema di difesa del nostro organismo (“da qualche tempo mangio meno ma non dimagrisco!”). Organizzare attività fattibili in qualsiasi momento e che non richiedano attrezzature particolari: camminare a passo spedito per 3 volte per settimana per almeno 45 minuti di seguito e/o salire e scendere un solo piano di scale, di seguito per 15 minuti un paio di volte al giorno è più semplice che prenotare campi da tennis a dover trovare una piscina in cui si possa davvero nuotare. Non bisogna strafare e sudare copiosamente; la chiave di lettura di un buon uso dei propri muscoli è costituita, durante l’attività fisica, da ritmo accettabile e sensazione di piacere con respirazione appena più frequente e profonda.
image

3) Fai attenzione al consumo di cibi la cui preparazione è sconosciuta (ad esempio in mensa, al ristorante, al bar); in questi casi scegli piatti semplici e riduci le porzioni.
 A casa utilizza tecniche di cottura semplici, con pochi grassi (meglio usare olio e acqua insieme per soffriggere) insaporendo con erbe o aromi e imparare almeno 2 ricette al mese di cucina semplice e gustosa. Ricorda che a parità di quantità e qualità i grassi cotti sono sempre meno sani di quelli utilizzati a crudo.
image

4) Come distribuisci il cibo che mangi nella giornata? Arrivi con troppa fame ai pasti, soprattutto a cena? Meglio frazionare in piccoli pasti (4 o 5) e fare la prima colazione. Concentrare la maggior parte del cibo a cena non è vantaggioso: poi se vedi la tv o se vai a riposare non li smaltisci piu. Se ci sono particolari orari in cui hai una grande sensazione di vuoto allo stomaco, valuta come il nostro organismo è stato “rifornito” nelle 3-5 ore precedenti e ridistribuisci la quantità di cibo senza aggiungerla al totale della giornata, “partendo” sempre da una colazione adeguata.
 5) Ingerisci bocconi piccoli e mastica con calma: digerisci meglio, e soprattutto, resti sazio più a lungo. La “dimensione” del boccone non dovrebbe superare il volume del proprio pollice.

E IN PIU’…..

Prova a fare un elenco delle cose che ti danno più piacere, al di fuori del cibo, e rifletti su quante hanno fatto capolino nella tua vita negli ultimi tempi. È probabile che troverai il deserto: è al loro posto che spuntano i cioccolatini! Quella “molla” che scatta dentro di te non è affatto “malefica”: è la tua parte viva, che chiede di essere ascoltata.

Quindi impara ad ascoltarti, e a scoprire di che cosa effettivamente il tuo corpo ha bisogno.
image

GLI OLI ESSENZIALI CHE CI AIUTANO

 Ecco un altro consiglio: prova con l’Olio essenziale di incenso da bruciare: se ne mettono 5 gocce sciolte nell’acqua del bruciaprofumi. Funzionano anche 7 gocce di Ylang Ylang da sciogliere la sera prima di cena nella vasca da bagno.

Spero che anche oggi queste informazioni ti siano state utili!

L’obbiettivo finale è ispirare uno stile di vita piu’ sano, quindi aiutarti nel tuo percorso per tornare in forma in modo sano e naturale!!!

Vuoi iniziare anche tu??? Allora scopri il percorso SHRED10, per imparare a tornare in forma in modo naturale e senza effetto yo yo!

Puoi continuare a seguirmi sulla mia pagina Facebook: https://www.facebook.com/informaconmarionn

O scrivermi una mail su fattonaturale1@gmail.com

Un abbraccio

Marianna

Parliamo di Omega vegetali 3,5,6,7,9 e perché fanno bene!

Il video che segue è la registrazione della diretta facebook nella quale ho riassunto quanto ho scritto nell’articolo che segue.

https://youtu.be/YwiAy4VR-7Y

Acquista omega blend 100% vegetali


contattami per saperne di più

Probabilmente hai sentito molto parlare degli omega, andiamo quindi a capire cosa sono, dove trovarli e quali sono i benefici !

Prima di tutto perchè si chiamano essenziali?
Sono considerati essenziali perché l’organismo umano non è in grado di sintetizzarli in quantità sufficienti per soddisfare i suoi fabbisogni.

Puoi soddisfare i fabbisogni di Omega-3 facendo principalmente affidamento sull’alimentazione. Tuttavia, non tutte le fonti di Omega-3 apportano le loro forme biologicamente attive; inoltre in alcune condizioni particolari (come la gravidanza) soddisfare le richieste dell’organismo può essere particolarmente difficile. Fortunatamente, però, esistono integratori alimentari di ottima qualità coi quali puoi aiutarti a far fronte a situazioni di questo tipo.

I benefici che derivano dall’assunzione di Omega sono stati descritti per la prima volta negli anni ’70 da ricercatori che notarono come negli Eschimesi Inuit che vivevano in Groenlandia – una popolazione che assumeva dosi elevate di Omega-3 di origine marina – le membrane delle piastrine erano molto ricche di questi acidi grassi e il rischio di aterosclerosi era ridotto.

Gli esperti quindi attribuirono quest’ultimo effetto alle abitudini alimentari degli Inuit e all’impatto della loro dieta sui livelli di salute .

Studi successivi hanno approfondito ulteriormente i benefici degli Omega, svelando che una volta assunti , tutti i tessuti dell’organismo ne beneficiano!

Gli esperti infine hanno concluso che l’80% di tutti i cittadini (americani nello studio),presenta una carenza di acidi grassi essenziali. Alcuni segni e sintomi tipici, ma non esclusivi, di una loro carenza sono rappresentati da stanchezza, depressione, pelle, mucose e capelli secchi, unghie fragili, difficoltà a digerire, stitichezza e mancanza di capacità di resistenza. (ti rivedi in alcuni di questi?)

L’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) ha autorizzato l’utilizzo della dichiarazione nutrizionale secondo cui alcuni degli elementi all’interno degli omega aiutano a mantenere i livelli ematici di colesterolo nella norma. 

L’Efsa ha approvato le dichiarazioni nutrizionali secondo cui gli omega :

  • aiutano a mantenere nella norma la pressione del sangue e i livelli ematici di trigliceridi;
  • contribuiscono al buon funzionamento del cuore.

  • contribuisce al normale sviluppo del cervello e al suo buon funzionamento;
  • promuove il corretto sviluppo degli occhi, della vista nel primo anno di vita e della buona salute visiva.

Analizziamo gli omega singolarmente, dove si trovano e quali benefici offrono.

L’acido linoleico (o omega 6) è l’acido grasso dalla catena lunga più importante, presente soprattutto in tutti i tipi di semi, frutta secca e oli come quello di girasole.

Sia gli acidi grassi omega 6 sia gli omega 3 sono componenti strutturali delle membrane cellulari e sono utili per un’infinità di processi organici. Inoltre, sono una fonte importantissima di energia.

Gli acidi grassi omega 3, invece, si trovano nel pesce azzurro, nei molluschi, nei legumi, nell’ olio d’oliva, nelle noci o nelle mandorle

Ci sono anche importanti fonti vegetali di omega, come:

  • le micro alghe e l’olio di alghe
  • le noci
  • i semi di lino e olio di semi di lino
  • l’olio di colza
  • la soia e olio di soia
  • i semi di chia
  • le verdure a foglia verde.
  • olio di semi di Ribes

Le fonti più ricche che renderanno la vostra pelle incredibilmente giovane e le vostre unghie più belle si trovano nell’ olio di semi di Ribes .

Benefici degli omega 5

Gli omega-5, meno conosciuti, si trovano principalmente nell’olio di noce moscata. E se desideri ritrovare tono, donare un po’ di energia al tuo sistema digestivo, se hai bisogno di un antisettico o desideri un effetto afrodisiaco, allora metti gli occhi sugli omega-5. Pelle, sistema cardio-vascolare e sistema nervosi se ne rallegreranno!

Benefici degli omega 7

Gli omega-7 sono una fonte molto specifica, ma di una ricchezza straordinaria per la pelle secca, devitalizzata o screpolata. Questi omega così particolari facilitano il passaggio dell’acqua dagli strati più profondi della pelle verso gli strati superficiali. La loro singolarità risiede nel fatto che si trovino negli oli secchi, come l’olio di olivello spinoso o l’olio di noci di macadamia, eccezionali per le pelli mature, stanche, irritate, sensibili, secche, ma anche per le screpolature, le bruciature e la preparazione all’abbronzatura!

Benefici degli omega 9

Gli omega 9, invece, rientrano in una categoria di elementi che il nostro organismo è in grado di sintetizzare partendo da altri tipi di grassi. Questi grassi sono fondamentali perché hanno almeno tre funzioni molto importanti: servono per la creazione degli ormoni, producono energia e costituiscono le membrane cellulari.

Inoltre gli Omega ti aiutano a mantenere giovane il corpo, quindi presi tutti insieme sono un elisir della giovinezza, ottimi antiossidanti per l’organismo.

Puoi approfondire guardando la webinar del nostro Medico cardiologo, dottor Gerald Tulzer a questo link:

WEBINAR DEL DOTT. GERALD TULZER

È importante ricordarti che non si tratta solo di una moda in materia di alimentazione ma di benessere e qualità di vita.


Acquista omega blend 100% vegetali


contattami per saperne di più

Bibliografia

Adeyemi WJ, Olayaki LA. Effects of single or combined administration of salmon calcitonin and omega-3 fatty acids vs. diclofenac sodium in sodium monoiodoacetate-induced knee osteoarthritis in male Wistar rats. J Basic Clin Physiol Pharmacol. 2017 Nov 27;28(6):573-582

Averna MR et Al. Omega 3 e riduzione del rischio cardiovascolare. PPG Edizioni scientifiche, 2003

Baker EJ et Al. Metabolism and functional effects of plant-derived omega-3 fatty acids in humans. Prog Lipid Res. 2016 Oct;64:30-56. doi: 10.1016/j.plipres.2016.07.002. Epub 2016 Aug 3

Berbert AA et Al. Supplementation of fish oil in patients with rheumatoid arthritis. Nutrition. 2005 Feb;21(2):131-6

Bi X et Al. ω-3 polyunsaturated fatty acids ameliorate type 1 diabetes and autoimmunity. J Clin Invest. 2017 May 1;127(5):1757-1771

Bourre JM. Roles of unsaturated fatty acids (especially omega-3 fatty acids) in the brain at various ages and during ageing. J Nutr Health Aging. 2004;8(3):163-74

Burke MF1 et Al. Review of Cardiometabolic Effects of Prescription Omega-3 Fatty Acids. Curr Atheroscler Rep. 2017 Nov 7;19(12):60

Chilton FH et Al. Precision Nutrition and Omega-3 Polyunsaturated Fatty Acids: A Case for Personalized Supplementation Approaches for the Prevention and Management of Human Diseases. Nutrients. 2017 Oct 25;9(11)

Conklin SM et Al. Serum omega-3 fatty acids are associated with variation in mood, personality and behavior in hypercholesterolemic community volunteers. Psychiatry Res. 2007 Jul 30;152(1):1-10. Epub 2007 Mar 23

Drugs.com. Omega-3 Fatty Acid Capsules

EU Register of nutrition and health claims made on foods

Fontani G et Al. Cognitive and physiological effects of Omega-3 polyunsaturated fatty acid supplementation in healthy subjects. Eur J Clin Invest. 2005 Nov;35(11):691-9

Germano M et Al. Plasma, red blood cells phospholipids and clinical evaluation after long chain omega-3 supplementation in children with attention deficit hyperactivity disorder (ADHD). Nutr Neurosci. 2007 Feb-Apr;10(1-2):1-9

Gioxari A et Al. Intake of ω-3 polyunsaturated fatty acids in patients with rheumatoid arthritis: A systematic review and meta-analysis. Nutrition. 2018 Jan;45:114-124.e4

Grimble RF, Tappia PS. Modulation of pro-inflammatory cytokine biology by unsaturated fatty acids. Z Ernahrungswiss. 1998;37 Suppl 1:57-65

Harris WS. Achieving optimal n-3 fatty acid status: the vegetarian’s challenge… or not. Am J Clin Nutr. 2014 Jul;100 Suppl 1:449S-52S. doi: 10.3945/ajcn.113.071324. Epub 2014 Jun 4

Hartweg J et Al. Omega-3 polyunsaturated fatty acids (PUFA) for type 2 diabetes mellitus. Cochrane Database Syst Rev. 2008 Jan 23;(1):CD003205

Hussein N et Al. Long-chain conversion of [13C]linoleic acid and a-linolenic acid in response to marked changes in their dietary intake in men. J. Lipid. Res. 46: 269-280, 2005

IFOS – The international fish oil standards program

Jeppesen C et Al. Omega-3 and omega-6 fatty acids and type 2 diabetes. Curr Diab Rep. 2013 Apr;13(2):279-88

Johnson EJ et Al. The influence of supplemental lutein and docosahexaenoic acid on serum, lipoproteins, and macular pigmentation. Am J Clin Nutr. 2008 May;87(5):1521-9

Jung JY et Al. Effect of dietary supplementation with omega-3 fatty acid and gamma-linolenic acid on acne vulgaris: a randomised, double-blind, controlled trial. Acta Derm Venereol. 2014 Sep;94(5):521-5

Kim JH et Al. Conjugated Linoleic Acid: Potential Health Benefits as a Functional Food Ingredient. Annu Rev Food Sci Technol. 2016;7:221-44

Koba K, Yanagita T. Health benefits of conjugated linoleic acid (CLA). Obes Res Clin Pract. 2014 Nov-Dec;8(6):e525-32

Lauritzen L et Al. Maternal fish oil supplementation in lactation: effect on visual acuity and n-3 fatty acid content of infant erythrocytes. Lipids. 2004 Mar;39(3):195-206

MedlinePlus. Omega-3 fats: Good for your heart.

MedlinePlus. Omega-3 Fatty Acids

Miller PE et Al. Long-chain omega-3 fatty acids eicosapentaenoic acid and docosahexaenoic acid and blood pressure: a meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Hypertens. 2014 Jul;27(7):885-96. doi: 10.1093/ajh/hpu024. Epub 2014 Mar 6

Neuringer M et Al. The role of n-3 fatty acids in visual and cognitive development: current evidence and methods of assessment. J Pediatr. 1994 Nov;125(5 Pt 2):S39-47

NIH. Omega-3 Fatty Acids

NIH. Omega-3 Supplements: In Depth

Pawlosky, R. J., et al . Physiological compartmental analysis of alpha-linolenic acid metabolism in adult humans. J. Lipid Res. 42(8):1257-1265, 2001

Poli A. Acidi grassi omega-3 e prevenzione cardiovascolare. Trends in Medicine vol 2 num 3, PPG Edizioni Scientifiche, 2002

Querques G, Souied EH. The role of omega-3 and micronutrients in age-related macular degeneration. Surv Ophthalmol. 2014 Sep-Oct;59(5):532-9

Report Scientifico: “Gli acidi grassi omega-3”. Nuova Edizione 2014. A cura di Zone Academy in collaborazione con Inflammation Research Foundation di Boston.

Saldeen P, Saldeen T. Women and omega-3 Fatty acids. Obstet Gynecol Surv. 2004 Oct;59(10):722-30; quiz 745-6

SINU. Tabelle LARN 2014

University of Colorado – Colorado Springs. Omega-3, 6, and 9 and How They Add Up

Zhang M et Al. Fish and marine omega-3 polyunsatured Fatty Acid consumption and incidence of type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis. Int J Endocrinol. 2013;2013:501015

Le 8 buone abitudini di chi è sempre in forma!! 

Tutti noi abbiamo l’amico o l’amica sempre in splendida forma! Sembra che la dieta o gli sgarri non siano un problema…e hanno sempre energie x fare tutto nella loro giornata!! Abbiamo quindi sondato nelle vite delle persone “in forma “, e abbiamo raccolto 8 segreti…. 1.SVEGLIATI PRESTO Crea una buona routine ogni mattina, svegliarti presto ti darà il tempo per meditare, fare stretching o andare a correre. Inizia alzandoti 5 minuti prima ogni giorno, fino a quando raggiungi il tuo orario ideale! 2.FAI UNA COLAZIONE SANA Mangia cibi naturali come frutta fresca e succosa, puoi aggiungere proteine vegetali o noci se senti di averne bisogno.  Se non puoi farne a meno bevi 1 caffè! 3.BEVI TANTA ACQUA DURANTE IL GIORNO! Porta con te una bottiglia d’acqua, oppure installa una delle numerose app per aiutarti a ricordarti di bere acqua. Inizia la tua giornata con un bicchiere di acqua e limone.  4.MUOVITI SPESSO! Se il tuo lavoro ti porta a stare fermo tante ore, ogni 30 minuti alzati e muovi il tuo corpo nella stanza o in giardino se ti è possibile.  5.SCEGLI DI PRANZARE IN MODO LEGGERO, CON CIBI NON CONFEZIONATI. Portati snack da casa, come frutta o noci, cerca di prepararti il pranzo la sera prima, come ad esempio del riso integrale con verdure . 6.RITAGLIATI BREVI MOMENTI X ESERCIZI ENERGIZZANTI. Da provare seduto su una sedia, porta le braccia indietro fino a che il tuo petto si alza. Torna alla posizione iniziale.  7.USA IL TRAGITTO IN MODO SANO! Quando ti è possibile scegli di fare un tratto a piedi o in bici, questo ti permette di staccare sia mentalmente che fisicamente! 8.CENA PRESTO La cena non dovrebbe essere fatta troppo tardi, ma almeno 3 ore prima di andare a letto. Se hai fame mentre prepari la cena puoi sgranocchiare verdura cruda o frutta. Se pensi queste 8 buine abitudini siano troppe tutte assieme, scegline semplicemente una x questo mese e applicala!!! Marianna

Sgonfia e rilassa le tue gambe in 3 mosse!

Se arrivi a fine giornata con caviglie gonfie, gambe con vene in procinto di esplodere e doloranti, allora questo articolo fa al caso tuo!

A causa della forza di gravità i liquidi tendono a scendere verso il basso e a ristagnare nella parte più bassa del corpo.

Durante la primavera, e i primi caldi,  la situazione peggiora, a causa di scarpe chiuse, che favoriscono la dilatazione dei vasi sanguigni.

Tralasciando questi sintomi possono creare scombussolamenti ormonali, e ritenzione e cellulite!

Ecco quindi qualche consiglio che puoi applicare da subito per avere gambe più sgonfie, sode e belle!!!

gambe

A TAVOLA

1.Cerca di bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno, iniziando magari con una tisana drenante al mattino!   Sostituisci il sale bianco con il sale integrale, o ancora meglio con le spezie. È bene limitare il consumo di alcolici: è ammesso un piccolo calice di vino (meglio se rosso) a pasto, o un aperitivo nel fine settimana.

FAI MOVIMENTO

2. Cammina! Cerca di fare movimento, almeno 30 minuti di camminata al giorno, e la sera metti i piedi in ammollo in acqua tiepida e sale, e metti un cuscino sotto il polpaccio per riattivare la circolazione.

BACCHE E FRUTTI ROSSI

3.Prenditi cura delle tue gambe dall’interno!!! Bacche e frutti rossi ti aiutano a riattivare la  microcircolazione, così come è molto importante il giusto apporto di frutta e verdura cruda ogni giorno! Puoi conoscere più a fondo i benefici del nostro programma #drenante, completamente naturale, che ti aiuta a sgonfiarti già dalla prima settimana in modo costante.

jeans

-CONSIGLIO X PIATTO DRENANTE!

Mangia la sera un passato preparato con 2 porri, 2 zucchine, una patata e una manciata di grano saraceno. Insaporisci con un battuto di salvia e rosmarino e aceto di mele (drenante).

Marianna