Frutta e verdura di Novembre, ecco quali!

La varieta di frutta e verdura che Novembre ci offre e’ davvero deliziosa!

I suoi sapori, colori e profumi aiutano a ricaricarci per affrontare il cambio di stagione e l’iverno in arrivo..

Ecco quindi le TOP verdure!

uid_riza_1470.650.340

CAVOLFIORE

Il cavolfiore se consumato 2-3 vote la settimana, ha un azione benefica sulla salute, ha un baso contenuto di calorie ed un forte potere saziante, e’ infatti consigliato anche nelle diete dimagranti. Ricco di potassio, calcio, fosforo, ferro, acido folico, vitamina C, contiene inoltre principi attivi antibatterici, antinfiammatori e antiossidanti!

Sono depurativi, rimineralizzanti e favoriscono la rigenerazione dei tessuti. Puoi consumarlo cotto, al vapore, oppure crudo, come un cous cous, frullando le cimette (trovi una gustosa ricettina qui)

uid_riza_746.650.340

CARCIOFO

Molto gustoso, poche calorie, e ricchi di fibre! Contiene anche  calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio. Sono diuretici, tonici e disintossicanti, grazie alla loro capacita’ di stimolare il fegato, calmare la tosse e purificare il sangue. Molto gustoso se mangiato cotto in padella, oppure le cimette piu’ piccole a crudo in carpaccio di olio e limone.

15528

SEDANO RAPA

Il suo odore pungente è dovuto agli olii essenziali che lo caratterizzano, e che lo rendono un ortaggio diuretico e depurativo.

Ricco di minerali e di vitamine, come ad esempio la A, B e C. Ha quindi proprieta’ rimineralizzanti, toniche, digestive, diuretiche e depurative! Molto buono al  vapore, condito semplicemente con olio evo e limone, oppure gratuggiato a crudo nell’insalata, molto interessante se fate delle bistecchine impanate con esso!

Altra verdura di novembre:

rabarbaro,patate novelle,barbabietole,cipolla, lattuga/indivia/valerianella, topinambur, cicoria, ravanelli, zucca, radicchio.

FRUTTA TOP DI NOVEMBRE

castagne_proprieta_benefici

CASTAGNE

Le castagne sono un alimento molto versatile e possono essere consumate in svariati modi: arrostite sul fuoco, bollite, cotte al forno e secche, non contengono glutine, quindi anche la stessa farina puo’ essere usata in caso di intolleranze.

Essendo molto digeribili, sono consigliate in caso di anemia ed inappetenza, e grazie alle fibre aiutano l’intestino. Ottime per il recupero dopo l’influenza, in caso di stanchezza cronica,in quanto ricche di vitamine e minerali. Aiutano infatti la digestione, calmano i nervi, rinforzano i muscoli. Ha anche proprietà antiossidanti  in quanto contiene vitamina C, che porta benefici anche alla pelle e al sistema immunitario.

cachi_1

CACHI

Come non menzionare questo straodinario frutto!! I cachi sono composti essenzialmente da acqua e zuccheri, a cui si aggiungono piccole quantità di proteine e di grassi. E’ il loro contenuto di zuccheri naturali a dare una sferzata di energia al nostro corpo quando ha bisogno di ricaricarsi.

Grazie alle sue proprietà lassative e diuretiche, contribuiscono a migliorare la regolarità intestinale. Le fibre sono utili anche per aiutare il nostro organismo a liberarsi dalle tossine, ottimo quindi pr la settimana detox. Stimolano la diuresi e reidratano l’organismo grazie alla loro ricchezza d’acqua. A colazione è il momento migliore per consumarli, con una spruzzata di arancio saranno ancora piu’ gradevoli e digeribili. Provalo anche in versione coccola frullato con datteri e una banana matura, sarà un budino super goloso!

Altra frutta di novembre:

mele,pere,carruba,uva,kiwi, fichi d’india,melograna.

Iniziare la giornata con una deliziosa macedonia, e per i piu’ golosi aggiungere un cucchiaino di miele, succo di limone e noci e semi vari, e’ un toccasana! Non solo per la fase detox, ma diventera’ un ottima buona abitudine!

Continua a seguirmi sulla pagina In forma con Marionn su Facebook! O per richiedere un consulto gratuito vai qui!

12039236_1501409763486267_8380774735455967731_n

Un  abbraccio!

Marianna

 

Ricetta Detox estate – crema fredda di lattuga contro la ritenzione!

La lattuga è ricchissima in sali minerali, vitamine e fibre, il che la rende idratante, ipocalorica, nemica della ritenzione idrica e della cellulite e rimineralizzante.
Un vero toccasana per la linea in tutte le stagioni, e in estate, per variare rispetto alla solita insalata, puoi prepararla anche come crema fredda.

La crema di lattuga è un piatto unico, originale e rinfrescante!
Stupirai i tuoi ospiti, farai il pieno di nutrienti ed è ottima anche per chi non sempre ha voglia di mangiare insalata!

La preparazione della crema di lattuga è facilissima, basta tagliarla e passarla nel mixer o nel frullatore con pochi altri ingredienti di contorno per insaporirla e renderla cremosa. Tienila in frigorifero per almeno 30 minuti prima di gustarla.

Per farle assumere la consistenza cremosa aggiungi lo yogurt, preferibilmente quello greco, che è una fonte di calcio ma con pochissimi grassi, ancora meno dello yogurt bianco magro. E inoltre il sapore leggermente aspro lega bene con quello della lattuga, va bene anche aggiungere yogurt di soia, il risultato finale sarà comunque eccezionale!

Importante anche il cetriolo, per il gusto fresco e per le proprietà diuretiche: formato quasi completamente da acqua, il cetriolo stimola la diuresi e rende la crema di lattuga ancora più leggera.

Ingredienti per due persone:

250 g di lattuga già lavata e pulita
150 g di cetriolo già sbucciato
60 ml di acqua fredda
150 g di yogurt greco con 0% di grassi (o yogurt vegetale)
1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
1 porro fresco
foglie di basilico fresche
sale

Preparazione:

Taglia le foglie di lattuga a striscioline, affetta il cetriolo e frullali in un mixer assieme al porro tritato, l’acqua fredda, lo yogurt, l’olio, il basilico e poco sale.

Frulla accuratamente fino ad avere una consistenza omogenea e cremosa. Servi la crema ben fredda.

Queste e molte altre sono parte dell’esclusiva SUMMER DETOX 2018 che ricevi gratuitamente grazie al METODO NETFIT!

CLICCA QUI e scopri come ricevere gratuitamente la versione integrale della  SUMMER DETOX 2018 !

Ciao!
Marianna

5 consigli x non sgarrare e x tornare in forma!

Ormai hai provato a metterti a dieta in tutti i modi senza risultati?

Ogni volta che decidi di iniziare un percorso per rimetterti in forma, continui a sgarrare?

Di solito, l’errore più comune è proprio quello di voler cambiare “tutto” della nostra alimentazione e stile di vita, con il risultato che sono troppe cose da cambiare e quindi non riusciamo ad essere coerenti.

frutta5

Il segreto sta invece nell’attuare un piccolo cambiamento, magari quello di non mangiare formaggi, o levare le bibite gassate o il caffe, oppure i dolci o la cioccolata.

L’altro segreto è quello di mettere un limite temporale al nostro obbiettivo, in modo da poterlo raggiungere facilmente e quindi essere felici per il nostro traguardo!

Facciamo un esempio “non mangerò formaggio per una settimana”, oppure “niente bevande gassate x 1 settimana”, obbiettivi semplici, puliti, uno alla volta.

Organizza la tua giornata in modo da poter mangiare molta frutta lontano dai pasti, ad esempio a colazione frutta succosa, come anguria (ricordati di abbinarla solo al melone, meglio sola), o pesche, oppure 30 minuti prima di pranzo o cena, oppure a merenda. Questo aumenta il senso di sazietà, ti fa sentire bene, e il tuo corpo è in grado di avere preziosi micronutrienti per rigenerarsi.

Non vivere questo cambiamento come un imposizione, o qualcosa di forzato! Ma piuttosto come un piccolo cambiamento x il tuo benessere e la tua felicita!

fotoragazza

RICAPITOLANDO!

1.ATTIVA UN PICCOLO CAMBIAMENTO!

2.DATTI UN TEMPO BEN PRECISO NEL QUALE LO ATTUI

3.AUMENTA IL CONSUMO DI FRUTTA LONTANO DAI PASTI E A COLAZIONE

4.INIZIA IL PASTO CON VERDURA CRUDA SEMPRE!

5. SORRIDI!!! Il tuo corpo è il tuo meraviglioso tempio…amalo!!!

 

Un abbraccio

Marianna

 

 

 

FRUTTA E VERDURA DI LUGLIO! Belle, sane e abbronzate!

Luglio offre la varietà più succosa e colorata i tutto l’anno!

Pranzare o cenare con macedonie o insalatone diventa una buona alternativa, sana e che ci aiuta a sgonfiare la pancia e le gambe.

Scegliere frutta e verdura di diverso colore e varietà non solo ci fa essere piu belle, ma ci aiuta a vivere meglio, e anche a essere più felici e in forma!

Mangia in modo vario, inizia la giornata con acqua e limone, e bevi almeno 2 litri i acqua al giorno.

ritenzione-idrica

Ecco quindi la frutta e verdura TOP del mese!

Le TOP abbronzanti:

Carota, pomodoro, peperone, zucchina, cipolla rossa/ ciliegie, albicocche, fragole, lamponi

Le TOP antiossidanti

Aglio, piselli, ravanello, sedano, patate/ pesche, albicocche, prugne, limoni, mele, anguria
frutta

Le TOP drenanti

Bietola, cetriolo, erba cipollina, lattuga / melone, limone, ananas,
Come buona abitudine per mantenerti in forma, impara a mangiare la frutta almeno 20 minuti prima dei pasti principali, è un abitudine che piace tantissimo anche ai bambini!
abbro
Se non riesci a mangiare una grande quantità di frutta o verdura puoi fare dei buonissimi frullati o centrifughe, o informarti sul nostro programma naturale per aiutarti a consumare le giuste porzioni ogni giorno!
Buon luglio!!!!
Marianna

10 shake x 10 giorni di detox….accetti la sfida???

10 shake x 10 giorni di detox!!!!

Prendendo spunto dal libro di  JJ. Shith “La dieta green & detox”, ecco dieci consigli per i  prossimi 10 giorni per purificare il tuo corpo, ancora meglio se abbinato ad una riduzione di zucchero e farine bianche, bevande gassate, formaggi, carni rosse, fritti, per questi prossimi giorni…

Cosa mangio quindi??????

Se immediatamente ti sei posta questa domanda, puoi mangiare tanta frutta e verdura, cruda e cotta, proteine vegetali, scegli cereali integrali, come riso integrale, quinoa, lenticchie, puoi trovare nel mio blog l’articolo specifico per scegliere le migliori proteine vegetali!

Non viverla come una privazione, ma come un nuovo esperimento, una nuova conoscenza di gusti e sapori, e anche di nuove reazioni che il tuo corpo ha con altri cibi, rispetto a quelli ai quali sei abituato.

Lo scopo è quello di eliminare le tossine, è immediatamente vedrai il tuo corpo rifiorire, ti sentirai più leggera, meno sgonfia, e potrei iniziare in maniera più positiva anche il nostro programma #bruciagrassi!!

Cerca di abbinare anche un po’ di movimento giornaliero!

image

Sei pronta x questa sfida???

Ecco la ricetta del primo:

-3 manciate di spinaci
• 2 tazze di acqua
• 1 mela
• 1 tazza di mango sbucciato e tagliato a pezzi
• 1 tazza di fragole
• 1 manciata di acini d’uva senza semi
• 2 cucchiai di semi di lino in polvere
-1 misurino di complete

Frullate gli spinaci nell’acqua fino a ottenere un succo verde.
Aggiungete gli ingredienti restanti e proseguite finché il composto avrà una consistenza cremosa!

E si parte!!!!

Marianna

5 ricette di gustose salsine per sostuire il sale!

A volte pensiamo che entrare in un regime detox, per sgonfiare o perdere peso, voglia dire anche rinunciare ai saporti e al piacere della tavola!

Possiamo invece assaggiare nuovi sapori, e sperimentare in cucina, per poi magari scoprire che non ci sono rinunce, ma anzi!

Una delle cattive abitudini sulla tavola degli italiani è proprio il troppo sale, che può creare ritenzione idrica, problemi circolatori e non solo!

ricette-salse-fatte-in-casa-2-640x427

Ecco quindi qualche ricettina per preparare gustose salsine da abbbinare ai vostri piatti e per poter sostituire il sale:

TZATZIKI- DIURETICA

E’ una deliziosa tipica salsa greca, si ottiene frullando (o gratuggiando) 2-3 cetrioli con yogurt, aglio tritato e aneto (a piacere).

Aggiungi prezzemolo, regola di olio, sale e pepe. Accompagnala ai pinzimoni e alle insalate di legumi. Il cetriolo è diuretico, puoi usare lo yogurt di soia, e non noterai la differenza, e diventerà un ottimo alimento per mantenere in salute la flora intestinale, infine l’aglio è un grande antibatterico.

Pinzimonio-di-verdure-con-salse

SALSA WASABI- DEPURATIVA

La prepari mescolando un cucchiaino di pasta wasabi, un vasetto di yogurt greco magro (o di soia), un cucchiaino di semi di sesamo e frulla. Puoi abbinarla a verdure bollite, e apporta calcio, grassi buoni e sostanze solforate, altamente depurative.

TAHIN-RASSODANTE

Il tahin è una crema di origine mediorientale, preparata con semi di sesamo, leggermente tostati, triturati finemente, con l’aggiunta di olio di sesamo, oppure olio di girasole. Assicurati  che l’olio utilizzato sia sempre spremuto a freddo.  Ne risulterà una crema dal sapore molto marcato, ottima da abbinare alle verdure cotte più delicate (bietole, carote, patate, finocchi lessati) oppure al pinzimonio.

Il sesamo è un seme ricco di acidi grassi polinsaturi che prevengono le flaccidità.
piattpo
GUACAMOLE-NUTRIENTE
Una delle mie preferite, e con moltissime versioni diverse. Consiglio di schiacciarla con la forchetta per non alterare il sapore, e di usare un olio delicato. Si ottiene dal frutto maturo dell’avocado con l’aggiunta di limone, aglio e cipolla tritata (a piacere), peperoncino. Potete anche aggiungere pomodoro fresco a pezzettini. L’avocado contiene una bassa percentuale di zuccheri semplici e una buona dose di grassi (acido linoleico e Omega 3) che fanno bene al cuore e a tutto il sistema cardiovascolare.

HUMMUS-PROTEICO
Crema color ocra a base di ceci e tahin, originaria della tradizione culinaria araba. Perfetta spalmata su pane e crostini (o sulla pita, il tipico pane arabo) e per accompagnare verdure crude in pinzimonio, o servito insieme ai falafel, le tipiche polpette di legumi. Frulla una tazza di ceci lessati, aggiungi prezzemolo, mezzo limone spremuto, mezzo spicchio d’aglio tritato, un cucchiaino di semi di lino (fonte di Omega 3 e 6). Ne risulterà una crema ricca di proteine vegetali e fibra, da abbinare al pinzimonio e ad altri piatti vegetali.
Adesso sperimenta e scopri se il sale può essere sostituito! 🙂

I SUPER FRUTTI CHE CI FANNO BELLE!

Fantastica sopresa oggi al supermermercato! Noberasco…mi stupisci!!

Un super mix di bacche e piccoli frutti disidratati pronti da mangiare! Finalmente uno snack a portata di mano sano, buono e pratico ! 🙂

Ecco cosa contiene e le suoe proprieta:

BACCHE DI GOJI

bacche_goji

Ricche di proteine, carboidrati, sodio, calcio, zucchero, fosforo, potassio, manganese, lipidi come omega 3 ed omega 6, magnesio, cromo, vitamine C, E e B1, carotene, amminoacidi, fibre, luteina e germanio.

Tutte queste proprietà portano ad innumerevoli benefici per la salute ed il suo mantenimento. Le bacche di Goji, infatti, aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo, i trigliceridi e la pressione sanguigna, il metabolismo, il tono muscolare e la resistenza fisica. In particolare, la Vitamina C contenuta nelle bacche di Goji pare sia più elevata di quella presente nelle arance, da sempre l’alimento che automaticamente associamo a questa vitamina.

BACCHE DI GELSO BIANCO

more-di-gelso

E’ un frutto poco calorico, contiene buone quantità di ferro (circa 185 mg per 100 g) e discrete quantità di potassio, manganese e magnesio. Tra le vitamine troviamo piccole quantità di vitamina C, vitamine del complesso B e vitamina K.

BACCHE DI PHYSALIS

proprieta-e-benefici-dellalchechengi_cc2dab49737982f8efb3d86506670947

Dette anche bacche d’oro o bacche di Inca, sono un vero e proprio superfood! Sono ricche di antiossidanti e di fibre, favorevoli quindi al  benessere e all’equilibrio delle funzioni intestinali. Le pectine ad esempio sono una qualità di fibre con particolari proprietà chelanti, ovvero che hanno la capacità di interferire con l’assorbimento di glucidi e lipidi. Altre proprietà note sono un ruolo benefico in situazioni opposte: sia nei casi di  diarrea in quanto la pectina aumenta la consistenza delle feci, sia in presenza di stitichezza, in quanto (insieme ad una adeguata assunzione di acqua) è in grado di favorire il transito intestinale C’è poi il betacarotene, che esercita un’azione protettiva e antiossidante su tutto l’organismo. E’ stata  inoltre rilevata la presenza della melatonina, che aiuta a prevenire le malattie associate allo stress ossidativo, incluse quelle neurodegenerative  tipiche delle situazioni di invecchiamento precoce seppure in età avanzata.

BACCHE DI ARONIA

Bacche-di-aronia-640x390

Ricche di tante sostanze che agiscono sia come astringenti, sia come agente capace di combattere le infezioni. La nota piu’ apprezzata resta comunque la proprietà antiossidante, capace di combattere e prevenire il prematuro invecchiamento cellulare.

Poi c’è la vitamina K, che rafforza le ossa, mentre i numerosi sali minerali vengono integrati nel corpo in quanto sostanze fondamentali per il suo buon funzionamento. Come ogni altro frutto, anche le bacche di Aronia sono una fonte di fibre da non sottovalutare. Ecco che aiutano a ripulire il colon, combattere la stitichezza e le emorroidi. Secondo alcuni studi effettuati in laboratorio, inserire queste bacche nella propria alimentazione potrebbe aiutare a prevenire anche il cancro al colon.

BACCHE DI MAQUI

maqui-2

Una vera e propria fonte di antiossidanti naturali, ricche di vitamina E, utile nella protezione delle cellule dallo stress ossidativo, ma anche B5, che riduce stanchezza e affaticamento, aumenta le prestazioni mentali e ripristina il normale metabolismo energetico.

Inoltre le Bacche di Maqui hanno importanti proprietà medicinali: antibatteriche, toniche ed astringenti, analgesiche e febbrifughe, antitumorali e sono più antiossidanti delle bacche di Acai!

image

Buona merenda!!

Marianna

 

 

 

 

 

Che spuntini scegliere se sono a dieta?

La funzione degli spuntini è quella di regolarizzare l’assunzione di cibo.

Aiutano infatti a non arrivare troppo affamati al pasto sucessivo, di integrare i pasti principali, magari con la frutta, e di non incorrere in cali energetici.

1424919465181

La soluzione migliore resta comunque quella di mangiare in modo equilibrato e regolare ai pasti principali, in questo modo la fame tra un pasto e l’altro si ridurra’ notevolmente.

L’attacco di fame insorge inevitabilmente se si lasciano passare troppe ore tra un pasto all’altro, o se il pasto principale è stato a sua volta di corsa, o solo uno spuntino.

In questi casi l’unico modo per ritrovare un equilibrio, specialmente nel primo periodo, è quello di consumare degli spuntini durante l’arco della giornata. Riuscire a controllare il proprio appetito significa tenere a freno le tentazioni alimentari.

Ecco le caratteristiche che dovrebbe avere un buon spuntino:
-essere giustificato e pianificato (in base anche al tuo fabbisogno giornaliero, ad esempio se sei uno sportivo, o se stai allattando)
-essere bilanciato e controllato dal punto di vista calorico
-essere consumato almeno 2 ore dal pasto precedente, e 2 da quello sucessivo.

Chiaramente le tempistiche possono cambiare in base al tipo di pasto che è stato consumato.

Il supermercato, i bar e le macchinette, spesso non offrono soluzioni sane, ma snack che non solo non ci saziano, ma hanno l’effetto contrario.

shake

SOLUZIONI

  • Un buon compromesso tra gusto e potere saziante, è dato dalle barrette JP , grazie al giusto equilibrio dei suoi nutrienti (carboidrati, grassi, proteine).
  • Frutta di stagione, se siete di corsa potete preparla precedentemente a casa, tipo macedonia, aggiungi semi a piacere.
  • Frutta secca, in commercio potete trovare pacchettini monodose già pronti ed equilibrati, attenzione! Scegliete quelli senza zucchero aggiunto!
  • Verdura cruda a piacere.
  • Yogurt, meglio se senza zucchero!
  • Una bruschetta , meglio ancora se integrale, o una galletta di riso, con pomodoro fresco, se di stagione, o salsa guacamole.
  • Una centrifua o estratto fresco!

corsa10

Insomma…lo spuntino ci sta, se fatto con Intelligenza e senza sensi di colpa, va benissimo! Abbinatelo ad acqua non gassata, da evitare succhi o altre bibite!

Se ti è piaciuto questo articolo, aiutaci a renderlo ancora piu’ utile, e scrivi nei commenti il tuo spuntino “sano” preferito ! 🙂

Ciao!

Marianna

 

 

 

Come funziona il Freeletics?

Conosci il freeletics?

Deriva probabilmente da “Free Athletics”, ossia atletica libera.

Freeletics è la nuova disciplina sportiva che sta prendendo piede nel nord Europa e in Spagna: sono dure sessioni di allenamento basate su motivazione, socializzazione, uso del proprio peso corporeo, e l’abbinamento ad una alimetazione appropriata.

E’ un nuovo modo di concepire l’esercizio fisico e l’attività motoria, non si utilizza  nessun tipo di attrezzio, ma sfrutta soltanto il peso del corpo o comunque il movimento a corpo libero.

Naturalmente l’esercizio fisico deve essere associato a una dieta equilibrata e che sia utile a mantenere tonici i muscoli in previsione di grandi sforzi fisici.

La sfida sta nell’effettuare gli esercizi richiesti il più velocemente possibile, spesso con intervalli di riposo molto brevi o pari a zero.

Ci sono diversi livelli, e progredendo aumenta notevolmente lo sforzo fisico e l’intensità.

esercizi1

Come funzionano gli esercizi.

Si parte dal riconoscimento dello stato fisico attuale, se beginner, medio o allenato. A quel punto viene creata una tabella di crescita graduale di esercizi, che prevedono comunque uno sforzo fisico intenso, che è quello utile a raggiungere un determinato stato muscolare. La fatica che comportano questi allenamenti è quella caratterizza l’allenamento fin dalla prima seduta.
Il vantaggio del freelectis è che puoi decidere di allenarti dove preferisci, in palestra, a casa tua, al parco, in spiaggia o giardino, insomma praticamente ovunque, basta sapere come svolgerli.
Gli esercizi sono chiamati con i nomi di alcuni dei greci (Aprhodite, Dione, Zeus, ecc.) e devono essere svolti almeno per 4 giorni a settimana, nella fase iniziale, fino ad arrivare ad allenarsi sette giorni su sette.

esercizi2

La personalizzazione Freelectis

In base ai tuoi obbiettivi puoi creare il tuo programma personalizzato. Non essendo necessari attrezzi per iniziare, hai bisogno di una buona dose di motivazione, e di crearti una tua sfida personale!

Non serve essere un super eroe x iniziare! Il freelectis prevede infatti anche una certa elasticità per chi è alle prime armi. Esiste la regola di non fare pause durante gli esercizi, ma nella prima fase ci si può fermare nel caso si senta il bisogno. E’ normale che la fatica e lo sforzo fisico, in base allo stato di forma, possa non reggere inizialmente alle regole del freelectis.
Con il progredire degli esercizi e la forza di volontà diminuirà gradatamente il bisogno di fare pause, che diventeranno sempre meno fino a quando non ne sentirete più la necessità.
La raccomandazione, che vale per tutti i tipi di attività fisica, è quella di fare sempre riscaldamento dei muscoli prima di iniziare per evitare strappi e dolore conseguente alla secrezione improvvisa di acido lattico. Allo stesso modo è bene fare streching subito dopo aver terminato gli esercizi, per concludere nel modo adeguato.

esercizi3

Come iniziare

Non pensare di dover iniziare  forzando subito la tua resistenza!!  Allo stesso modo non fare esercizi con fretta e rischiare poi di sentirti male,  ma ascolta il tuo corpo e aspetta che  risponda ai progressi.
Per chi vuole sapere se è portato per questa disciplina e verificare i risultati degli esercizi, che non tarderanno a essere evidenti, può provare una sequenza della durata di poco più di un mese ( 5 settimane).
Se i muscoli fanno male indicano che siete fuori forma ma non dovete spaventarvi perché con il tempo riprenderete la vostra forma fisica, tonificando i muscoli conferendo una forma armonica al fisico. L’importante è essere costanti e perseveranti in quanto con la costanza riuscirete a mantenere i risultati ottenuti.

Essere un Atleta Libero non si limita all’esecuzione dei workout. Una dieta sana ed equilibrata è un aspetto fondamentale del tuo percorso da atleta. Da coloro che vogliono bruciare i grassi a coloro che vogliono sviluppare i muscoli, la Guida Nutrizionale è un programma d’apprendimento necessario per ogni Atleta Libero. Non si tratta di una dieta da seguire una volta sola, ma di una serie di linee guida per condurre una vita più sana #NoExcuses.

Il programma lo puoi scaricare dal sito ufficiale, dove ti puoi iscrivere a pagamento!

Altrimenti su you tube trovi tantissimi video sul come iniziare!

Il nostro team può aiutarti con un consulto gratuito, per aiutarti a sostenere il tuo nuovo programma di allenamento e perdita peso!!

Ciao!

Marianna

 

4 CONSIGLI PER SCONFIGGERE LA FAME NERVOSA.

Quante volte ti capita di giustificare gli spuntini come “fame nervosa?”

Da dove deriva questo impulso?? E’ realmente fame o forse solamente una valvola di sfogo per una emozione repressa??

E’ importante che la tua consapevolezza inizi ad analizzare questo aspetto, e possa distinguere  se si tratta di una fame non fisiologica ma dovuta a meccanismi “nervosi” ossia psichici.

Ecco quindi 3 consigli per imparare a non sfogare le tue emozioni sul cibo ed iniziare  ad ascoltarti :

fame-nervosa-forma-fisica.jpg

1.EVITA LE “SOLUZIONI MIRACOLOSE”!

Non esistono pillole magiche o soluzioni miracolose che ti levano la fame nervosa! Esistono però certi alimenti che ti mantengono sazia più a lungo, e quindi abbassano il bisogno di mangiare spesso.

2.FAI SPORT!

Fai movimento, cammina, corri, vai in bicicletta o palestra, quello che ti piace di più! Ti aiuterà a controllare la fame, a darti più soddisfazione quando mangi per recuperare l’energia consumata.

Header_eating.jpeg

3. SE NON LO COMPRI NON LO MANGI!

Fare un attenta selezione di come riempi il tuo frigo e la tua dispensa sarà un ottimo modo di scegliere gli spuntini giusti! Se NON acquisti zuccheri raffinati , merendine, dolci e gelati industriali, non li troverai disponibili..prova a sostituirli con cioccolata amara, noci, nocciole,mandorle, frutta secca, uva passa, mela cotta con miele, datteri, insomma “dolcezze” naturali meno dannose per il tuo metabolismo

4.ASCOLTATI!

Se nel cibo sfoghi le tue emozioni “inespresse”, inizia ad ascoltarti, scopri quali sono queste emozioni che ti fanno stare male e impara a vivere con ed in esse…il tuo atteggiamento nei confronti di una situazione che non ti fa vivere felice, è il modo migliore di metabolizzarla.

uid_151916df3f0.650.340.jpg

Grazie al nostro progetto #marionnlifestyle di riequilibrio alimentare siamo in grado di aiutarti anche in questo!

Perchè quando ritrovi il tuo benessere ed equilibrio fisico, anche tu stai bene, e il tuo punto di vista nei confronti di ciò che ti accade cambia…

Ciao!!

Marianna